100 anni GARBATELLA

‘Na sera a Garbatella
***
Si vòi gustà, ma senza ghirigori,
piatti de Roma e beve a garganella,
fatte un giretto pe la Garbatella,
ch’è come magnà a casa, più che fòri.
***
E’ er mejo posto ‘ndove se stornella,
chitare che arintoneno li cori.
e nun ce sò poracci, né signori,
ma solo gente alegra in comunella.
***
Trippa, pajata, abbacchio scottadito,
li saltimbocca o un piatto de facioli,
er tonnarello, chè la pasta è un rito.
***
Senza tovaja e senza tovajoli,
su un tavolo ch’è appena aripulito,
ma magni qui che manco a li Parioli.
***
Stefano Agostino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *